UE promozione di veicoli più ecologici e a basso consumo

Il Parlamento ha adottato una direttiva volta a favorire l’introduzione di veicoli puliti e a basso consumo che impone agli enti pubblici e privati di tener conto di criteri ambientali nell’aggiudicazione di appalti che riguardano veicoli per il trasporto su strada. Tra questi figura il consumo energetico e le emissioni di CO2 durante tutto l’arco di vita dei mezzi di trasporto, con la possibilità di preferire i veicoli alimentati a idrogeno, GPL e gas naturale compresso. Sulla base di un maxi-emendamento di compromesso negoziato con il Consiglio, il Parlamento europeo ha adottato una direttiva che mira ad incentivare lo sviluppo del mercato dei veicoli puliti e a basso consumo energetico e, soprattutto, ad influenzare il mercato dei veicoli standard,  prodotti su larga scala, come autovetture, autobus, pullman e autocarri, visto il notevole impatto ambientale che ciò determinerebbe. A tal fine, impone agli enti aggiudicatori e a taluni operatori, sia pubblici che privati, di prendere in considerazione gli impatti ambientali ed energetici durante tutto l’arco della vita, durante l’aggiudicazione di appalti che riguardano l’acquisto di veicoli per il trasporto su strada. Infatti, ogni anno le pubbliche autorità dell’UE acquistano tramite gare d’appalto 110.000 automobili, 110.000 veicoli utilitari leggeri, 35.000 camion e 17.000 autobus. Garantire a un livello sufficiente una domanda per veicoli puliti e a basso consumo, incoraggerebbe l’industria a sviluppare ulteriormente mezzi di trasporto con queste caratteristiche. In particolare, la direttiva si applica a tutti i veicoli per il trasporto su strada acquistati da autorità aggiudicatrici, enti aggiudicatori e taluni operatori, pubblici e privati, compresi quelli destinati al servizio pubblico di trasporto di passeggeri. Gli Stati membri, tuttavia, saranno liberi di escluderne l’applicazione per acquisti di entità ridotta al fine di evitare inutili oneri amministrativi. Inoltre, avranno la possibilità di non applicare la direttiva agli appalti relativi a veicoli progettati e fabbricati per essere essenzialmente utilizzati in cantieri edili, cave, installazioni portuali o aeroportuali, veicoli blindati progettati e fabbricati per essere utilizzati dalle forze armate, dalla protezione civile, dai servizi antincendio e dai servizi responsabili del mantenimento dell’ordine pubblico, e macchine mobili. Gli elementi da prendere in considerazione includono almeno il consumo di energia nonché le emissioni di CO2 e di talune altre sostanze inquinanti quali gli ossidi di azoto, gli idrocarburi diversi dal metano e dal particolato. Rif. doc. P6_TA-PROV(2008)0509 Promozione di veicoli puliti per i trasporti su strada ***I Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 22 ottobre 2008 sulla proposta riveduta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla promozione di veicoli puliti e a basso consumo energetico nel trasporto su strada (COM(2007)0817 – C6-0008/2008 – 2005/0283(COD))