S 127: modifiche al codice di procedura civile in materia di competenza

L’atto n. 127 recante modifiche al codice di procedura civile in materia di competenza del giudice di pace e di patrocinio nei giudizi davanti ad esso, è stato assegnato per l’esame in sede referente alla II Commissione – Giustizia - del Senato. Le disposizioni contenute nell’atto parlamentare sono state redatte in collaborazione con l’Associazione per i diritti degli utenti e consumatori – Aduc e  mirano ad ampliare la competenza del Giudice di pace comprendendo le cause fino a 16.000 euro a fronte dell’attuale 2.582,28 ( cifra di conversione dell’originario valore di 5 milioni di lire stabilito nel 1991. Il limite di 16.000 euro è stato fissato sullo stesso limite di competenza del Giudice di pace stabilita per valore e per materia nel caso di cause di risarcimento del danno provocato dalla circolazione di veicoli e natanti. Da questa omologazione per valore non risulterebbero più differenze nell’ambito della possibilità a ricorrere dinanzi al GdP entro il predetto limite di valore. Inoltre, ulteriore fine è quello di eliminare il patrocinio obbligatorio del difensore per tutte le cause esperite davanti al Giudice di Pace. Il testo integrale dell’atto corredato dalla relazione di approfondimento è consultabile nel fascicolo n. 4 della Rivista, sezione - lavori preparatori.