Illegittima esposizione contrassegno invalidi

Il conducente di un veicolo che parcheggia il proprio mezzo in area pedonale esponendo un contrassegno invalidi rilasciato ad altra persona, risponde dell’infrazione di cui all’art. 158 c.s. e non anche del reato di cui all’art. 494 c. p. (sostituzione di persona).
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, V sezione penale, con la sentenza 12 maggio 2010, n. 18080 precisando che, in mancanza di altri qualificanti comportamenti, la semplice esposizione del contrassegno rilasciato ad altro soggetto non integra gli estremi della fattispecie delittuosa di cui all’art. 494 c. p.
Il testo della sentenza e la relativa massima sono a disposizione degli abbonati sul corrente fascicolo della Rivista.