C 3676 recante “Modifiche agli articoli 126-bis e 173 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, in materia di divieto di fumare durante la marcia dei veicoli ”

L’atto n. C 3676 recante “Modifiche agli articoli 126-bis e 173 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, in materia di divieto di fumare durante la marcia dei veicoli ” presentato alla Camera di iniziativa dell’On. Nastri ed altri, è stato assegnato per l’esame in sede referente alla IX Commissione permanente (Trasporti, poste e telecomunicazioni). L’analisi in Commissione non è ancora iniziata ma sono già stati richiesti i pareri delle commissioni 1ª (Aff. costit.), 2ª (Giustizia)   12ª (Aff. sociali). Fumare durante la conduzione degli autoveicoli provoca una diminuzione del livello di attenzione, equiparabile a quanto accade in caso di uso del telefono cellulare, infatti gli atti di accendere la sigaretta e di tenerla in mano, non consentono di eseguire i movimenti della guida in modo corretto. Pertanto la proposta di legge stabilisce la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 148 a euro 250 in caso di violazione con la previsione del raddoppio della sanzione nel caso di presenza di minore  a bordo del veicolo. L'atto è consultabile nella sezione -lavori preparatori- della Rivista, fascicolo n. 5.