C 1125 recante “Disposizioni in materia di ripartizione tra i comuni e le province degli introiti comunali derivanti dall'applicazione di sanzioni amministrative per infrazioni alle norme sulla circolazione stradale”

L’atto n. C 1125 recante “Disposizioni in materia di ripartizione tra i comuni e le province degli introiti comunali derivanti dall'applicazione di sanzioni amministrative per infrazioni alle norme sulla circolazione stradale” presentato alla Camera di iniziativa dell’ On. Paroli, è stato assegnato per l’esame in sede referente alla Commissione permanente VIII (Ambiente, territorio e lavori pubblici). L’analisi in Commissione non è ancora iniziata. Sono stati richiesti i pareri delle commissioni 1ª (Aff. costit.), 2ª (Giustizia), 5ª (Bilancio). Il fine perseguito con il presente disegno di legge è quello di aumentare il livello di sicurezza sulle strade sia comunali che provinciali (con una particolare attenzione per quelle montane) attraverso la suddivisione, tra comune e provincia, degli introiti provenienti dalle sanzioni amministrative relative alla circolazione stradale. I comuni sono tenuti a trasferire alle province il 70% della somma ottenuta dall’applicazione di sanzioni amministrative e a destinare il restante 30 per la messa in sicurezza della strade comunali. Ovviamente anche la somma devoluta alla provincia sarà vincolata alla gestione, manutenzione straordinaria e ordinaria delle strade. Si può consultare il disegno di legge nella sezione -Lavori preparatori- del VI fascicolo della Rivista Giuridica.