Attraversare la strada con il rosso esclude la risarcibilità dei danni

La Corte di Cassazione (sentenza n. 21617/2007) ha respinto il ricorso di un lavoratore contro l'Inail che chiedeva il risarcimento dei danni conseguenti ad un incidente subito nel tragitto casa-ufficio. L'incidente era stato provocato dal fatto che il soggetto in questione aveva attraversato la strada con il semaforo rosso. La Corte ha stabilito che, nonostante la corresponsabilità dell'investitore, l'azione dell'attraversamento con il rosso, commessa in violazione delle norme stabilite dal nuovo codice della strada, interrompe il nesso causale tra l'azione protetta (il percorso casa-lavoro) e l'evento lesivo (danno causato dall'incidente).