• Giurisprudenza
  • Guida in stato di ebbrezza o sotto l'influenza di stupefacenti ed omicidio stradale
  • Dott.ssa Maristella Giuliano

Prova dello stato d'ebrezza nel corso del procedimento penale

Corte di Cassazione IV Sezione Penale
Sentenza n. 36026 del 7 settembre 2015

Guida in stato d’ebbrezza – accertamento in fase processuale – acquisizione d’ufficio di nuovi mezzi di prova – art 507 cpp – sussiste

 

Guida in stato d’ebbrezza – accertamento in fase processuale – acquisizione d’ufficio di nuovi mezzi di prova – art 507 cpp – sussiste

 

 

La Cassazione fornisce una corretta interpretazione dell’art. 507 del codice di procedura penale che ha lo scopo di consentire al giudice di ammettere le prove che gli permettano di giungere ad un giudizio più aderente alla realtà, nel caso in cui le prove fornite dalle parti, non siano sufficienti e presentino delle gravi lacune. L’art 507 cpp mira quindi a perseguire e salvaguardare la completezza dell’accertamento probatorio, al fine di giungere ad una sentenza più equa perché più rispondente alla realtà.

Pertanto il giudice può  disporre   anche  d'ufficio l'assunzione  di  nuovi   mezzi di prova, disponendo l’acquisizione anche di quelle prove che le parti avrebbero potuto  richiedere  e non hanno  richiesto.