• Osservatorio Europeo
  • Ambiente ed energia, Urbanistica, territorio e infrastrutture, Autotrasporto, trasporto ferroviario, marittimo ed aereo, Economia dei trasporti e della mobilità, Tutela del consumatore, Sistemi intelligenti di trasporto, Veicoli autonomi

Proposta di bilancio pluriennale 2012-2027 dell'Unione Europea

Commissione Europea
2 maggio 2018 - COM(2018) 321 final, COM(2018) 322 final, COM(2018)323 final

Proposta Regolamento del Consiglio che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2012-2027; Proposta di Accordo Interistituzionale tra il Parlamento Europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, la cooperazione in materia finanziaria e la gestione finanziaria; Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni Un bilancio moderno per un Unione che protegge, rafforza e difende

 

Il 2 maggio la Commissione Europea ha presentato la proposta di bilancio pluriennale  2012-2027. La proposta prevede un bilancio di €1135 miliardi in impegni (espressi in prezzi del 2018) per il periodo in questione, pari al 1,11% del Reddito nazionale lordo dell'UE-27 (senza il Regno Unito). Per finanziare nuove e urgenti priorità, la proposta prevede di innalzare gli attuali livelli di finanziamento in settori quali la ricerca e l'innovazione, i giovani, l'economia digitale, la gestione

delle frontiere, la sicurezza e la difesa, che contribuiranno alla prosperità, alla sostenibilità e alla sicurezza di

domani. Nel contempo la Commissione ha valutato criticamente dove fosse possibile realizzare risparmi e

aumentare l'efficienza ed ha quindi proposto che i finanziamenti a favore della politica agricola

comune e della politica di coesione subiscano una modesta riduzione (in entrambi i casi del 5% circa).

Per quanto riguarda il settore dei trasporti, il Meccanismo per collegare l'Europa (CEF) è stato riconosciuto come un valore aggiunto europeo (si veda la "Relazione sulla valutazione intermedia del Meccanismo per collegare l'Europa" pubblicata nel fascicolo maggio-giugno della Rivista Giuridica) e la Commissione propone di continuare a investire nella connettività e nel collegare l'Europa.  Il futuro programma intende offrire una mobilità connessa, intelligente, sostenibile, inclusiva, sicura e protetta. Il bilancio proposto per il trasporto all'interno della Connecting Europe Facility è di 30,6 miliardi di euro, tra cui una dotazione generale di 12,8 miliardi di euro, e una dotazione per il fondo di coesione di 11,3 miliardi di euro. Inoltre, la Commissione propone che l'Unione migliori le sue infrastrutture di trasporto strategiche per renderle idonee alla mobilità militare (si veda la Comunicazione congiunta sul Piano d'Azione sulla Mobilità Militare pubblicata nel fascicolo maggio-giugno della Rivista Giuridica). Un budget dedicato di 6,5 miliardi di euro è previsto a tale scopo dal Meccanismo per collegare l'Europa.

Ulteriori risorse saranno rese disponibili anche tramite il Programma dedicato alla ricerca e innovazione  Horizon Europe, con un bilancio globale previsto di €97.6 miliardi, in particolare nell'ambito del pilastro Global challenges.