• Normativa
  • Comportamenti alla guida, Patente di guida, Limiti di velocità, Guida in stato di ebbrezza o sotto l'influenza di stupefacenti ed omicidio stradale, Norme di riforma del Codice della Strada
  • Dott.ssa Daniela Mascaro e Dott. Andrea Guerci

Legge 29 luglio 2010, n.120, recante "Disposizioni in materia

Ministero dell'Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza
Circolare Prot. 300/A/11310/10/101/3/3/9 del 12 agosto 2010

 

Il Dipartimento della pubblica Sicurezza, del Ministero dell'Interno, ha emanato la Circolare prot. 300/A/11310/10/101/3/3/9 del 12 agosto 2010 contenente disposizioni operative conseguenti alle modifiche del Codice della Strada. La  Circolare fornisce alcune precisazioni relative alla circolare precedente del 30 luglio 2010 riguardante al fermo amministrativo immediato, in caso di incidente causato da guida in stato di ebbrezza, nel qual caso: "il veicolo non puo essere affidato in custodia al medesimo trasgressore, perchè inidoneo ad assumere i relativi obblighi. Pertanto, il veicolo dovrà essere affidato ad altro obbligato in solido presente o prontamente reperibiIe, ovvero, in mancanza, ad un custode-acquirente nominato ovvero ad altro soggetto idoneo ai sensi del DPR 571/82". Stante la progressiva entrata in vigore delle disposizioni contenute nel decreto, dal 13 agosto sono operative:

1)l'Ente proprietario della strada può prescrivere non solo di montare i sistemi antisdrucciolevoli idonei alla marcia su neve e ghiaccio ma anche che questi vengano allocati a bordo dei veicoli;2) la deroga al divieto di circolazione per i veicoli che partecipano alle competizioni motoristiche su strada e sui quali siano state apportate modifiche alle caratteristiche costruttive o funzionali.  Rimane, comunque, fermo il rispetto dell’obbligo dell’assicurazione per la responsabilità civile contro terzi;3) in materia di veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità, è stato soppresso il servizio di scorta da parte della Polizia Stradale, disponendone l’effettuazione esclusivamente mediante un servizio di scorta tecnica ad opera di imprese private con i propri soggetti abilitati ai sensi del D.M. 18 luglio 1997 e successive modificazioni ed integrazioni, salvo in caso di chiusura di una strada.

 Sotto la rubrica «Atti vietati» si e ribadito il divieto di insozzare Ia strada e Ie sue pertinenze gettando rifiuti 0 oggetti dai veicoli in sosta 0 in movimento. Per tali comportamenti illeciti, si prevede il pagamento della sanzione pecuniaria compresa tra euro 100,00 ed euro 400,00. DalI'illecito discende anche la sanzione amministrativa accessoria dell'obbligo, per l'autore della violazione stessa, del ripristino dei luoghi a proprie spese;mentre,in materia di pubblicità sulle strade e sui veicoli, e sequestrato il mezzo pubblicitario abusivo, al fine di consentime la rimozione ad opera dell' ente proprietario o concessionario della strada.

È consentito far ricorso alla collocazione temporanea di segnali, oltre che nei casi di urgenza e necessità, anche nelle situazioni di emergenza, sono comprese le attività di ispezioni delle reti e degli impianti tecnologici posti al di sotto del piano viabile.

 Viene  sanzionata anche l’importazione e commercializzazione di singoli componenti di un veicolo non omologati. con sequestro di questi componenti o dei veicoli su cui sono montati.- "Nel caso di accertata circolazione di un veicolo non sottoposto a revisione periodica non viene più applicata la sanzione accessoria del ritiro della carta di circolazione ai sensi del Capo I, Sezione II, titolo VI. Sarà cura dell’organo accertatore sospendere dalla circolazione il veicolo non in regola con la revisione fino all’effettuazione della visita di revisione annotandolo sul predetto documento"

 in materia di Formalità per il trasferimento di proprietà degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi e per il trasferimento di residenza dell'intestatario è stato modificato il comma 2 dell’art 94 del C.d.S  ed inserito il comma 4 bis.-in materia di divieto di intestazione fittizia dei veicoli si ribadisce, il divieto di intestazioni fittizie dei veicoli e prevede Ia relativa cancellazione d'ufficio dai pubblici archivi automobilistici.

Introdotto il principio della personalità della targa di immatricolazione applicata su autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

Interventi in materia di esercitazioni di guida dei veicoli- (art. 115 C.d.S.) ed in materia di patente, certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli, autoveicoli e certificato idoneita alIa guida di ciclomotori (art 116 C.d.S.)

 Interventi in materia di limitazioni nella guida:i titolari di patente di guida di categoria B non possono guidare, per il primo anno dal rilascio, “autoveicoli aventi una potenza specifica superiore a 55 kWIt. Per gli stessi titolari, qual ora si trovino alIa guida veicoli di categoria Ml, si applica un uiteriore limite di potenza massima pari a 70 kW.”- Interventi in materia di patente a punti - Art. 126-bis C.d.S. e art. 22 comma 4 Legge n.120/2010:obbligo di rifare gli esami se in un anno si commettono tre infrazioni che prevedono la sottrazione di 5 punti per ognuna. Inoltre si prevede un meccanismo  premiale per i neo patentati che non commettono infrazioni in un anno.

Interventi in materia di revisione della patente di guida: viene ampliato il ricorso all’istituto della revisione della patente di guida. 

In materia di conversioni di patenti di guida rilasciate da Stati esteri e da Stati della Comunita europea :”chi, residente in Italia da oltre un anno, guida con patente rilasciata da uno Stato estero non più in corso di validità, incorre nelle sanzioni penali e amministrative previste per il reato di guida senza patente e viene sanzionata in modo specifico la guida con abilitazioni rilasciate da uno Stato estero, scadute di validità, quando il titolare sia comunque in possesso della prescritta patente di guida valida e sia residente in Italia da oltre un anno”. 

 Interventi in materia  di velocità dei veicoli:i dispositivi e i mezzi tecnici di controllo devono essere colocati ad almeno un chilometro dal segnale stradale che impone il limite di velocità.

In materia di segnalazione visiva: l’uso obbligatorio delle luci di posizione, dei proiettori anabbaglianti, e, se prescritte, delle luci della targa e delle luci d’ingombro, sia fuori che dentro i centri abitati, si applica non solo ai motocicli ed ai ciclomotori, ma anche alle c.d. minicar. Non si decurtano più i punti per inosservanza di quest’obbligo.

Iterventi in  materia di durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose: è stato interamente riformulato l’intero impianto sanzionatorio degli artt. 174 e 178 del CDS, con un graduale incremento dell’entità delle sanzioni pecuniaria connesso alla gravità del mancato rispetto (da calcolare in percentuale) dei limiti legali fissati dalla disciplina comunitaria in materia di durata della guida e del riposo dei conducenti professionali (Regolamento 561/2006).In materia di documenti di viaggio per trasporti professionali con veicoli non muniti di cronotachigrafo :la modifica apportata al comma 2 dell’art. 179 delC.d S., la circolazione senza card-conducente inserita nel tachigrafo digitale è sanzionata ai sensi di tale articolo, al pari di quanto già accadeva per la circolazione senza foglio di registrazione inserito all’interno del cronotachigrafo analogico. Obbligo giuridico per gli autisti di mezzi pesanti di portare al seguito la carta qualificazione conducente (CQC)-

Obbligo di soccorso di animali coinvolti in incidente.

Interventi in materia di comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni:”é stato eliminato il riferimento al «dare precedenza» ai pedoni che transitano sugli attraversamenti pedonali, e sostituito con l’imperativo «fermarsi» a carico del conducente, facendo venir meno qualsiasi tipo di valutazione e discrezionalità. Inoltre,è stato introdotto l’obbligo di «dare la precedenza, di rallentare e all’occorrenza fermandosi», ripristinando il vecchio obbligo del punto precedente, allorché i pedoni si accingono ad attraversare, quando, cioè, si trovano in un momento immediatamente precedente all’azione di attraversamento vera e propria, che consente, quindi, una valutazione circa i modi e i tempi di esecuzione della manovra a carico del conducente del veicolo.  Le violazioni commesse dal conducente del veicolo comportano una decurtazione di punti sulla patente di guida maggiore rispetto all’ipotesi legislativa previgente” 

In materia di notificazione delle violazioni :  qualora la violazione non sia stata immediatamente contestata, questa deve essere notificata entro 90 giorni dalla data dell’accertamento all’effettivo trasgressore o quando questo non sia stato identificato ad uno dei soggetti indicati nell’art. 196. Quando la violazione è stata contestata all’effettivo trasgressore, la notifica all’obbligato in solido deve essere effettuata entro 100 giorni dalla data di accertamento.  Modifiche anche in merito all'applicazione delle sanzioni amministrative accessorie della confisca amministrativa e del fermo amministrativo in conseguenza di ipotesi di reato .

Interventi in materia di somministrazione e vendita di alcolici: è sempre vietata la vendita o la somministrazione di alcolici e superalcolici in autostrada e nelle aree di servizio è sempre vietata la vendita di superalcolici, mentre è vietata la vendita degli alcolici dalle 2 alle 6 del mattino.Nel caso di vendita di superalcolici da asporto, la stessa è vietata dalle 22 alle 6. Le sanzioni comminate in caso di violazione del divieto variano da €2.500 a €10.500, nonchè in caso di ripetizione della violazione potrà essere sospesa la licenza dal Prefetto.

Per gli esercizi ordinari che somministrano alcolici e superalcolici, oltre a permanere lìobbligo dell'esposizione della tabella con i diversi livelli di concentrazione alcolemica, è vietata la relativa vendita dopo le 3 fino alle 6 e se aperti dopo le 24 devono mettere a disposizione degli avventori un apprecchio per il rilevamento del tasso alcolemico, in modo che possano verificare volontariamente il proprio stato di idoneità alla guida; tale obbligo decorre dal 13 novembre per i locali in cui la somministrazione non è associata ad attività di spettacolo o altre forme d'intrattenimento.

Le sanzioni variano da€5.000 a €20.000, con la possibilità di sospensione della licenza.