• Normativa
  • Economia dei trasporti e della mobilità, Veicoli ed equipaggiamenti
  • Dott.ssa Daniela Mascaro e Dott. Andrea Guerci

IVA su acquisti intracomunitari: decorrenza ed esclusioni

Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate
prot. n. 166781 del 25 ottobre 2007

 

N. 166781 protocollo
Agenzia delle Entrate
Disposizioni in materia di immatricolazione di autoveicoli, motoveicoli e loro
rimorchi anche nuovi di cui all’art. 1, commi 9 e 10 del decreto legge 3 ottobre
2006, n. 262, convertito dalla legge 24 novembre 2006, n. 286.
Termini di decorrenza - Criteri di esclusione
IL DIRETTORE DELL’AGENZIA
In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del
presente provvedimento,
Dispone:
1. Decorrenza
1.1 Le disposizioni di cui all’art. 1 commi 9 e 10 del decreto legge 3 ottobre
2006, n. 262, convertito dalla legge 24 novembre 2006, n. 286, sono applicate a far
data dal 3 dicembre 2007.
2. Operazioni escluse
2.1 In relazione agli acquisti intracomunitari e alle importazioni di autoveicoli,
motoveicoli e loro rimorchi nuovi provenienti direttamente dalle case costruttrici e
destinati al mercato nazionale, provvisti di codice di antifalsificazione è esclusa
l’applicazione delle disposizioni di cui all’art. 1 commi 9 e 10 del decreto legge 3
ottobre 2006, n. 262, convertito dalla legge 24 novembre 2006, n. 286.
Motivazioni
I commi 9 e 10 del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito dalla legge
24 novembre 2006, n. 286, hanno introdotto modifiche agli adempimenti ai fini della
immatricolazione degli autoveicoli, motoveicoli e loro rimorchi, di provenienza estera.
In particolare, il comma 9 ha previsto modalità distinte di versamento dell’IVA
relativa agli acquisti comunitari di autoveicoli nel settore del mercato parallelo. Il
comma 10 ha introdotto l’obbligo di esibizione, all’atto della richiesta di
immatricolazione, della certificazione doganale attestante l’assolvimento dell’IVA o
dell’eventuale riferimento al plafond dell’importatore.
Viene comunque prevista l’esclusione, dagli obblighi predetti in relazione agli
acquisti intracomunitari e alle importazioni di autoveicoli motoveicoli e loro rimorchi
nuovi provenienti direttamente dalle case costruttrici e destinati al mercato nazionale,
provvisti di codice di antifalsificazione. Per tali categorie di acquisti e importazioni
infatti è stabilito un particolare meccanismo di identificazione degli autoveicoli
direttamente presso la direzione centrale per la motorizzazione che non consente
l’attuazione delle frodi secondo gli schemi conosciuti.
Riferimenti normativi
a) Attribuzioni del Direttore dell’Agenzia delle Entrate:
Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (art. 57; art. 62; art. 66; art. 67, comma 1;
art. 68 comma 1; art.71, comma 3, lettera a); art. 73, comma 4).
Statuto dell'Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20
febbraio 2001 (art. 5, comma 1; art. 6, comma 1).
Regolamento di amministrazione dell'Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 36 del 13 febbraio 2001 (art. 2, comma 1).
Decreto del Ministro delle finanze 28 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 9 del 12 febbraio 2001.
b) Disciplina normativa di riferimento:
Legge 30 dicembre 2004, n. 311.
Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito dalla legge 24 novembre 2006, n. 286.
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.
Decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e successive modificazioni.
Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 e successive
modificazioni.
Il presente provvedimento sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 25 ottobre 2007
Massimo Romano