• Approfondimenti e Articoli di dottrina
  • Velocipedi

Dispositivi di micromobilità elettrica: una scelta “sostenibile”? – Parte seconda

Avv. Annunziata Candida Fusco
15 gennaio 2021

Dispositivi di micromobilità elettrica: una scelta “sostenibile”? – Parte seconda.

A cura dell’Avv. Annunziata Candida Fusco

In questa seconda parte dell’indagine sull’argomento in esame, vorrei focalizzare lo sguardo su un altro aspetto degno di nota, vista l’attenzione generalizzata che su di esso si sta concentrando. Tralasciando, per ora, il non trascurabile dato della necessità per i dispositivi elettrici di rispettare il CdS, mi soffermerò dapprima sulle problematiche risarcitorie connesse ad incidenti derivanti dalla circolazione dei dispositivi in questione.

Sinistri stradali derivanti dalla circolazione di monopattini: quale risarcimento?

I numerosi sinistri nei quali sono coinvolti i monopattini elettrici, divenuti ormai di numero considerevole sulle strade urbane, costringono a fare i conti con la necessità di verificare se sia il caso di introdurre per essi un obbligo assicurativo per la responsabilità civile proprio come per i veicoli a motore.

L’equiparazione ai velocipedi, disposta ex lege (art. 1, comma 75 della legge 27 dicembre 2019 n. 160 poi modificato ed integrato dall’art. 33 bis del decreto-legge 30 dicembre 2019 n. 162 convertito in legge 28 febbraio 2020 n. 8)[1] ovviamente al momento crea un empasse, in quanto i velocipedi (art. 50 CdS), come noto, non sono tenuti né all’obbligo assicurativo né alla immatricolazione.

Sarebbe forse il caso di distinguere tra tipo e tipo di monopattino. O forse meglio, sarebbe opportuno  procedere per gradi, andando a monte del problema: come garantire la conformità tecnica alla normativa dei mezzi in circolazione? visto che il rischio più grave si pone in virtù del fatto che i monopattini privati sono facilmente suscettibili di essere truccati, e quindi capaci di raggiungere anche velocità vicine ai 100Km/h, di fatto diventando dei ciclomotori.

I monopattini gestiti in sharing dai Comuni mediante noleggio.

Nella stragrande maggioranza dei casi, i monopattini sono utilizzati in condivisione e presi a noleggio presso il proprio Comune di residenza. Sono i Comuni, infatti, ad affidare a terzi il servizio di micromobilità, dividendo solitamente la flotta tra più società, previa verifica di conformità tecnica dei mezzi al cospetto della polizia municipale e con impegno della affidataria a garantire che gli stessi non vengano alterati. A parte i numerosi oneri che la società affidataria assume nei confronti dell’ente pubblico, vi è la espressa previsione normativa di poter concedere in gestione la flotta solo se la società esterna stipula una polizza assicurativa “per la copertura del servizio” (art. 4, Decreto n. 229 del 4 giugno 2019 del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e successivamente art. 33 bis D. L. 162/2019, conv. In l. 8/2019, che ha introdotto il comma 75 septies all’art. 1 della l. 160/2019) [2]. Quindi, senza ombra di dubbio, per i monopattini a noleggio l’obbligo di copertura assicurativa esiste. Il prezzo della polizza è ricompreso nel costo che l’utente paga per noleggiare il monopattino.

Per i monopattini privati, per i quali non vi è obbligo, la tendenza è di stipulare ugualmente una polizza per la responsabilità civile il più completa possibile. Le imprese assicurative offrono all’uopo prodotti molto articolati.

Polizza assicurativa per la rca dei monopattini: quale copertura?

Ma, per rimanere alla lettera della citata norma, cosa vuole dire che la polizza assicurativa ha ad oggetto “la copertura del servizio”?

La formulazione è tanto ampia quanto generica. Ma proveremo a fare chiarezza. E ciò che diremo vale ovviamente per tutti i tipi di polizze, sia che vengano attivate dalle società di sharing sia che vengano sottoscritte dai privati cittadini, diretti proprietari dei monopattini elettrici.

Dalla lettura delle varie tipologie di polizze attualmente in commercio, si evince che, per prima cosa, la copertura può essere limitata alla mera responsabilità civile terzi, ossia la compagnia risarcirà i danni a cose e persone cagionati dalla circolazione del monopattino. Perciò, nel caso di scontro tra un monopattino e un pedone, un monopattino e un veicolo a motore, un monopattino e una bicicletta, l’utilizzatore responsabile dell’evento potrà stare tranquillo che l’intero esborso per il risarcimento del danno sarà sostenuto dalla compagnia assicurativa. Diversamente, ossia in mancanza di polizza, l’utilizzatore responsabile dovrà farsi personalmente carico di ogni voce di danno.

Per completezza, aggiungiamo che, nel caso inverso, ossia di uno scontro tra veicolo e monopattino, nel quale la responsabilità sia imputabile al conducente del veicolo a motore, nulla quaestio, in quanto il caso sarà gestito al pari di uno scontro tra veicolo e bicicletta: ciò vuol dire con la procedura di risarcimento prevista dal Cap (codice delle assicurazioni private – D. Lgs. 209/2005), ma sul punto si dirà meglio in seguito.

Tornando ai profili assicurativi: se è vero che le polizze coprono la responsabilità civile, è pur vero che esse prevedono tantissime ipotesi di scoperto, franchigie a parte, che sarebbe bene che gli utenti leggessero prima di attivare il servizio di noleggio (che implica l’automatica accettazione delle condizioni di polizza) o di sottoscrivere una polizza in proprio. Non è raro, infatti, credere di avere una copertura totale per poi ritrovarsi, a sinistro avvenuto, di fronte ad un caso in cui la compagnia non pagherà. Ovviamente, la negligenza del consumatore che non legge le condizioni di polizza non è scusabile. Ma vi è da dire che la pratica di negoziazione incide molto sulla capacità di rendersi edotti pienamente: altro è attivare il servizio di noleggio all inclusive tramite un click su una app,  altro è recarsi presso il proprio assicuratore, leggere attentamente i documenti, ricevere una adeguata informativa e, solo successivamente, dopo attenta meditazione, sottoscrivere la polizza.

Ecco che, invece, troppo spesso, di fronte al fattaccio, si apprende che in realtà il danno non è ricompreso nella copertura. Per citare il caso più eclatante, si scopre poi che da qualche parte era scritto che la copertura non era attiva in caso di inosservanza di regole comportamentali più stringenti rispetto a quelle previste dalla normativa, esempio: prevedere l’obbligo di indossare il casco anche per i maggiorenni; imporre di non portare assolutamente alcun peso sulla propria persona, come uno zainetto leggero; o addirittura essere inferiore ad un certo peso corporeo! non circolare in determinate zone o ore della giornata, sebbene la legge lo consenta; avere le luci o il giubbotto anche laddove non previsto e così via. Magari il contratto include anche l’assistenza legale, però questa è vanificata se l’evento specifico non rientra nella copertura. Una vera delusione, in tal caso.

La copertura assicurativa può essere estesa, come di fatto accade, ai danni riportati dal conducente del mezzo per qualsiasi ragione occorsigli: a dire il vero questa è la parte più spinosa della fattispecie, in quanto statisticamente i sinistri autoprodotti, senza scontro con altri veicoli, sono quelli più numerosi e spesso dovuti a guida in stato di ebbrezza, guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, guida irrispettosa dei limiti di velocità o di altre regole di comportamento dettate dal CdS, ma anche più semplicemente provocati da uno slittamento su fondo bagnato, da una distrazione (rispondere al cellulare) ecc.

In questi casi, ancor più che nell’ipotesi precedente, le clausole contrattuali prevedono la totale esclusione della copertura, quindi sono decisamente molto meno indulgenti rispetto alle normali polizze conducente in commercio per i veicoli a motore.

Nel caso di polizze assicurative stipulate dalla società di noleggio, la copertura può essere estesa (di solito il Comune lo impone) anche ai danni alle infrastrutture, derivanti cioè dall’uso selvaggio e vandalico dei monopattini, spesso abbandonati fuori dagli stalli autorizzati e con modalità tali da deturpare il paesaggio, i centri storici, il verde pubblico ecc.: in questi casi i danni saranno risarciti totalmente dalla compagnia. Ma anche qui c’è da vedere effettivamente nel dettaglio il contenuto delle clausole e fare attenzione a scoperti e franchigie. Ugualmente, si può assicurare il furto del dispositivo.

Danni ai monopattini per omessa manutenzione stradale.

Una riflessione mi viene a questo punto naturale: molti incidenti riguardano casi di conducenti di monopattini che subiscono danni per insidia stradale, per disconnessioni del manto stradale spesso inadeguato rispetto alla circolazione di questo nuovo mezzo. Sicuramente non si era preparati all’idea di carreggiate urbane aperte alla circolazione di tali veicoli. Il CdS prevede che ci siano mezzi agricoli e anche biciclette; mette in conto i mezzi atipici, è vero, ma di fatto ci sono problemi strutturali non trascurabili che il caso di specie crea. Tant’è che, a tal proposito, proprio il DM 4 giugno 2019 cit. ha espressamente previsto che i Comuni debbano valutare che le infrastrutture stradali o parte di esse abbiano le caratteristiche geometriche, funzionali e di circolazione adeguate in relazione alla tipologia dei dispositivi ammessi a circolare ed agli altri utenti della strada (art. 5).

Insomma, i Comuni devono garantire che il manto stradale, la carreggiata, l’intera sede stradale siano idonei a consentire la circolazione dei monopattini (e degli altri dispositivi di micromobilità elettrica)  in maniera adeguata. E’ sempre così? Erano pronti i Comuni ad una invasione massiva ed imprevista di e-scooter? O si è precipitosamente messa su strada una quantità incalcolabile di mezzi elettrici senza adeguarsi ai possibili e prevedibili rischi? Insomma, il virus, il bonus, la smart mobility e l’ecosostenibilità hanno fatto la loro parte. Ma la sicurezza di tutti gli utenti della strada?

Concludendo, quindi, questo breve cenno sulla responsabilità da sinistro stradale per omessa manutenzione diciamo che: nel caso non infrequente di danni (principalmente lesioni personali del conducente) derivanti dall’impatto del monopattino con una buca o con un ostacolo sulla carreggiata o con un qualsivoglia impedimento connesso ad una inottemperanza del Comune, quest’ultimo pagherà in toto secondo il noto principio della responsabilità per cosa in custodia (ex art. 2051 cc), in base al consolidato orientamento giurisprudenziali elaborato in merito. Solitamente, si sa, i Comuni hanno le polizze assicurative, che potrebbero subire significativi aumenti nei costi data la mutata realtà della normale viabilità.

Scontro tra monopattino e veicolo a motore provocato dal conducente di quest’ultimo.

Sul piano risarcitorio, come innanzi anticipato, nel caso non infrequente di uno scontro tra monopattino ed un veicolo a motore cagionato dalla condotta del conducente di quest’ultimo, analogamente a quanto accade in caso di scontro tra veicolo a motore e bicicletta, si applicheranno le norme del codice delle assicurazioni private. Ossia, principalmente, l’art. 144 (azione diretta del danneggiato), in base al quale il proprietario del monopattino, similmente al conducente della bici, chiederà il risarcimento del danno alla compagnia assicurativa per la rca del veicolo responsabile. I requisiti formali da rispettare saranno quelli indicati nell’art. 148, ma non vi è obbligo di compilazione del modulo ex art 143, espressamente riservato a sinistri tra veicoli a motore.

Sul piano civilistico, si applica anche allo scontro tra monopattino e veicolo a motore il secondo comma dell’art. 2054 cc, secondo il quale “si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli”. Quindi, sia il conducente del veicolo a motore che il conducente del monopattino, al pari del conducente di bici o bici elettrica, è gravato dall’onere della dimostrazione di aver fatto tutto il possibile per evitare lo scontro.

Viceversa, nel caso di scontro tra un monopattino ed un pedone, ancora una volta in analogia al quanto accade in caso di investimento di pedone da parte di una bicicletta, si applicherà il primo comma dell’art. 2054 cit., ossia il conducente del veicolo senza rotaie “è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno”.

[1] Il testo dell’art. 1, comma 75, l. 160/2019 (cd. Legge di bilancio per il 2020) nella sua versione originaria era il seguente: “I monopattini che rientrano nei limiti di potenza e velocità definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019, sono equiparati ai velocipedi di cui al codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285”.

La norma, a causa dei dubbi operativi che generava, è stata presto rimaneggiata dall’art. 33 bis del cd. Decreto Milleproproghe (decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162 convertito in legge 28 febbraio 2020 n. 8), il quale, al comma 2, prevede quanto segue: “Il comma 75 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, è sostituito dai seguenti: 75. Nelle more della sperimentazione di cui all’articolo 1, comma 102, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e fino alla data di entrata in vigore delle nuove norme relative alla stessa sperimentazione, sono considerati velocipedi, ai sensi dell’articolo 50 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, anche al di fuori degli ambiti territoriali della sperimentazione, i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica non dotati di posti a sedere, aventi motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,50 kW, rispondenti agli altri requisiti tecnici e costruttivi indicati nel decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019, e caratterizzati dai componenti elencati nell’allegato 1 al medesimo decreto”.

[2] Art. 4, D. M. 4/2019, ultima parte: “ … I Comuni prevedono, nella istituzione o nell’affidamento del servizio di noleggio, l’obbligo di coperture assicurative per l’espletamento del servizio stesso”.

Comma 75 septies, art. 1, l. 160/2019 come modificato dall’art. 33 bis, d.l. 162/2019: I servizi di noleggio dei monopattini a propulsione prevalentemente elettrica di cui al comma 75, anche in modalità free-floating, possono essere attivati solo con apposita delibera della Giunta comunale, nella quale devono essere previsti, oltre al numero delle licenze attivabili e al numero massimo dei dispositivi messi in circolazione: a) l’obbligo di copertura assicurativa per lo svolgimento del servizio stesso; b) le modalità di sosta consentite per i dispositivi interessati; c) le eventuali limitazioni alla circolazione in determinate aree della città».