• Giurisprudenza
  • Arresto, fermata e sosta
  • Dott.ssa Maristella Giuliano

Ausiliari del traffico - Poteri di accertamento delle infrazioni al Codice della strada

Corte di Cassazione S.U. civili
9 marzo 2009, n. 5621

Ausiliari del traffico – Funzioni – Art. 17, comma 132 e 133, L. 15 maggio 1997, n. 127 – Personale dipendente delle società di gestione dei parcheggi a pagamento - Potere di accertamento delle infrazioni al Codice della strada nelle aree oggetto di concessione – Limiti – Violazioni in materia di sosta – Spazi contrassegnati con le strisce blu e/o da segnaletica orizzontale.

 

Il potere di accertamento delle infrazioni al Codice della strada attribuito ai soggetti di cui all’art. 17, comma 132 e 133, della L. 15 maggio 1997, n. 127, (c.d. ausiliari del traffico), deve ritenersi limitato alle sole violazioni in materia di sosta che possano ostacolare l’esercizio dell’attività, di trasporto pubblico o di gestione di parcheggi pubblici, svolta dall’impresa dalla quale dipendono. In particolare, il personale dipendente delle società concessionarie di aree adibite a parcheggio a pagamento può legittimamente rilevare solo le violazioni in materia di sosta che siano state commesse all’interno degli spazi contrassegnati con le strisce blu. Non possono, invece, essere rilevate le violazioni in materia di sosta che, seppur commesse all’interno dell’area oggetto di concessione, non riguardino direttamente le zone contrassegnate con le strisce blu (e/o da segnaletica orizzontale) e dalle quali non derivi alcun pregiudizio alla funzionalità degli spazi adibiti a parcheggio.

 

Documenti allegati